CONDIVIDI
In foto Mario Draghi

L’ultima mossa di Mario Draghi come presidente della BCE è una nuova operazione di Quantitative Easing da 20 miliardi, misura che si accompagna al taglio dei tassi e all’estensione delle operazioni Tltro, le aste finalizzate ai prestiti alle aziende.

UE: Lagarde e von der Leyen, due donne al vertice

Un cocktail di interventi per sostenere la crescita dell’Eurozona e l’inflazione, annunciati dallo stesso Draghi che, dal prossimo mese di novembre, sarà sostituito da Christine lagarde.

  • tassi sui depositi presso la BCE scendono a -0,50% dal precedente -0,40%; l’obiettivo è quello di mantenerli stabili o tagliarli ulteriormente fino a quando l’inflazione non tornerà vicino, ma restando inferiore, al 2%. Invariati il tasso di riferimento e l’overnight, rispettivamente a zero e a 0,25%.
  • Il nuovo QE parte dal primo novembre, con 20 miliardi al mese.
  • Infine, le operazioni Tltro si allungano a tre anni (dai precedenti due), con tassi più convenienti – pari al tasso medio delle aste principali di riferimento (oggi pari a zero) – durante il periodo di vita del rispettivo Tltro.

00:12

Misure di stimolo, spiega Draghi, per assicurare che le condizioni finanziarie dell’area Euro restino favorevoli all’espansione dell’economia e per sostenere l’obiettivo di inflazione.

Fonte: PMI.it

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.