CONDIVIDI

Quando si dice che uno è avanti.

Noi qui a parlare di amministrative, di europee, di legittima difesa, di recessione. Proviamo a capire se questo o quel partito ha idee per superare il momento obiettivamente difficile che sta attraversando il nostro paese e l’Europa tutta ed invece chi è avanti cosa fa? Tenta un confronto con iterrapiattisti, dichiarando di voler andare ad un loro convegno che si terrà il rpossimo 12 maggio, a Palermo.

Si, i terrapiattisti, quelli che non credono che il nostro pianeta sia una sfera schiacciata ai poli e per dimostrarlo chiamano a giudizio l’orizzonte, che è dritto e non curvilineo!

Chi è quell’uomo così avanti, così visionario da ignorare quanto sta combinando il movimento che ha fatto nascere e dedica le proprie forze, fisiche ed intellettive, ai nuovi depositari del verbo anarchico-scientifico.

Ma è il garante del M5stelle, il mitologico Beppe Grillo da Genova che, forse stanco dei balconi ove si celebra la sconfitta della povertà e degli immaginari tunnel dei ministri pentastellati, ha deciso di recarsi sul luogo ed ascoltare le ragioni di altrettanti visionari

Dice, quello che un tempo girava le piazze offendendo scienziati del calibro di Veronesi: “Voglio stare in mezzo ad un po’ di cervelli che non scappano davanti a nulla, nessuna legge della fisica è definitiva”.

Non è una decisione dell’ultimo momento, già il 23 marzo 2019, Grillo sul suo blog ebbe modo di scrivere: “Esiste una crescente comunità di persone che credono che il mondo sia effettivamente piatto, organizzano convegni, crociere, eventi e manifestazioni. Sono i Terrapiattisti. Ma ora vogliono provare di avere ragione! Solo una spedizione potrà svelare al mondo intero che c’è qualcosa che ci è stato nascosto da troppo tempo: la Terra è piatta. Sebbene si possa pensare che su un argomento come la forma del pianeta, ci sia poco da dire, è incredibile come stiano aumentando in tutto il mondo i seguaci del Terrapiattismo, anche in Italia!”

Preoccupati, leggermente preoccupati gli organizzatori dell’evento dichiarano: “Non gli permetteremo un comizio”

Anche se proprio uno degli organizzatori, Agostino Favari, ha lasciato uno spiraglio al confronto: “Grillo terrapiattista? Un po’ si e un po’ no. Insomma, il Cinquestelle fa il democristiano a riguardo ed è stato lui a darcene le prove, ve lo dico perché facevo parte dei 5S e credevo in quello che diceva Grillo. Sono contento perché ho da fargli 4 domande, non gli permetteremo certo di farsi un comizio: gli propongo un confronto, un minuto lui e un minuto noi”.

Sarà interessante vedere gli sviluppi di tale confronto.

E verificare il grado di imbarazzo fra i sognatori a 5 stelle

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.