CONDIVIDI

Li abbiamo intervistati, questi amici di uno zio così particolare. Queste le nostre domande. A cui sono seguite le loro risposte.

Ma il vero seguito è quello che ognuno di voi può effettuare cliccando sui link, ascoltando la loro musica, seguendoli dal vivo.

Garantiamo soddisfazione

PRESENTAZIONE NECESSARIA: la band nasce dove e quando?

Nasce nel 2006 nella provincia anconetana proprio come Gli amici dello Zio
Pecos, ma ci conoscevamo già.

Esperienze in band precedenti?
Facevamo più o meno tutti e 4 musica rock. Thomas suonava in una band con
Francesco e in un’altra con Luca e Nicola. Poi ci siamo uniti.

Lo zio Pecos è contento di voi?
Credo che sia contento. Le nostre canzoni e il modo leggero di affrontare
le tematiche si ispirano al suo stile.

MERDA è un titolo chiaro. Questo pezzo è dedicato a qualcuno in particolare?
É un titolo provocatorio. In realtà è dedicato alla follia, tanto che il
video l’abbiamo girato con il gruppo “sollievo” che è un servizio
socio-sanitario per persone con disagio psichico. La società è così piena
di input negativi che a volte non si conosce la bellezza, tanto che per
descrivere una cosa bella si sa solo dire “è il contrario di merda”.

Secondo voi, qual è lo stato dell’arte della musica italiana emergente?
Ci sono mezzi più potenti e tempi incasinati. Questo favorisce che i
giovani hanno tanto da dire e sanno dirlo bene.
Vi sentite legati a qualche artista? A qualche gruppo? A qualche scena?
Siamo molto uniti, ma siamo 4 teste. Ognuno ha i suoi gusti. Pensa che
abbiamo suonato da Johnny Cash a Raffaella Carrá. Ah, ah. C’è chi ha
studiato classica e chi jazz. Definiamo il nostro genere un pop d’autore e
la nostra caratteristica è stata quella di cambiare e non essere legati a
un genere preciso in modo da non limitare la creatività.

Parteciperete al prossimo sanremo?
Se gli piacciono i nostri brani…

Due pezzi che detestate e due pezzi che amate alla follia
Non ci sentiamo di dire brani che detestiamo, solo perché crediamo molto
nelle attività artistiche. Sono un punto di incontro degli uomini. Ognuno
ha il proprio modo di esprimersi.
Ci suoniamo volentieri Green plastic trees dei Radiohead e amiamo perderci
all’ascolto di Gran Camion di Peppino D’Agostino.

 

Band: Gli amici dello zio Pecos

Album: Dentro le cose – Spotify: https://spoti.fi/2MvUINK

Singolo: Merda – Spotify: https://spoti.fi/2QbVu3y

Videoclip ufficiale di “Merda”http://bit.ly/2C5vH3T

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.