CONDIVIDI

La coppa nel mirino. Ultimo turno d’andata di Serie B Maschiledomenica 20 gennaio (ore 18) l’Alva Inox Delta Volley riceve a Porto Viro l’Invent VolleyTeam Club San Donà. Ai nerofucsia di Massimo Zambonin serve almeno un punto per arrivare davanti al giro di boa del campionato e ottenere così la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia. Obiettivo vicino, raggiungibile, ma naturalmente Cuda e compagni hanno voglia di fare risultato pieno per proseguire il filotto positivo e tenere a debita distanza Monselice, impegnata sabato in casa contro Massanzago.

Dall’altra parte della rete ci sarà un avversario lanciatissimo. San Donà è reduce da tre vittorie consecutive per 3-0: forse si potevano precedere i successi interni contro Aduna e Udine, non l’exploit di Trebaseleghe di due settimane fa. Un vero e proprio colpaccio per i veneziani, che dopo un inizio di stagione complicato (appena sei punti nelle prime due giornate) ora navigano in acque tranquille, a più cinque sulla zona retrocessione.

Insomma, il VTC arriva al confronto con la capolista senza troppi pensieri, e magari con l’intenzione – nemmeno troppo nascosta – di fare un altro sgambetto eccellente, dopo quello a Silvolley. Servirà un’Alva Inox tosta e concentrata per riuscire nella missione, come sottolinea il libero nerofucsia Egon Lamprecht“Alla qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia ci manca solo un punto, ma il nostro obiettivo è l’intera posta in palio – afferma l’atleta altoatesino – Speriamo anche di riuscire ad aumentare il vantaggio sulla seconda in classifica per giocare con maggiore tranquillità da qui in avanti. Stiamo abbastanza bene, abbiamo qualche piccolo acciacco, ma è fisiologico visti i molti allenamenti. La prestazione non brillante di Zanè? È naturale avere un po’ di alti e bassi in campionato, l’importante è arrivare al massimo della forma possibile alle partite che mettono in palio qualificazioni e titoli. San Donà è una squadra molto aggressiva al servizio e con un buon potenziale in attacco: dovremo partire decisi ed essere concentrati sui dettagli, cercando di metterli in difficoltà soprattutto in ricezione, in modo che giochino scontato e permettano al nostro muro di limitare i loro attaccanti. Sicuramente verranno a Porto Viro con grande motivazione perché giocare contro la prima in classifica è sempre stimolante e non hanno poi molto da perdere”.

Metà campionato, tempo di bilanci, personali e di squadra, per Lamprecht: “Reputo la mia prima parte di stagione da libero abbastanza positiva, soprattutto in ricezione – analizza –. Non sono contento, invece, di quanto ho fatto in difesa, devo assolutamente migliorare. Sono felice, però, di avere il mio compagno di ruolo Fregnan su cui posso contare nei momenti di difficoltà, un valore aggiunto per tutti noi. Della squadra sono piuttosto soddisfatto, anche se per ora siamo riusciti ad esprimerci al meglio solo in poche occasioni. In alcune partite abbiamo commesso troppi errori al servizio ed in difesa, mentre rispetto agli anni scorsi siamo migliorati a muro. Sono convinto, comunque, che arriveremo presto ad esprimerci come sappiamo e allora ci sarà veramente da divertirsi. I possibili avversari in coppa? Preferirei affrontare Mirandola rispetto a Calci e Portomaggiore: queste ultime hanno giocatori con più esperienza e nelle partite che contano sono difficilmente contrastabili”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.