CONDIVIDI

Il ruolo del gas naturale e in particolare del gas naturale liquefatto (GNL) nella transizione energetica è il tema che Adriatic LNG ha affrontato al 3° Simposiointernazionale organizzato dall’Associazione Italiana Economisti dell’Energia (AIEE), edizione dedicata alle sfide attuali e future per la sicurezza energetica.

In occasione della conferenza che si tiene a Milano dal 10 al 12 dicembre, il Responsabile delle Relazioni Esterne di Adriatic LNG Alfredo Balena ha partecipato alla sessione plenaria che ha riunito manager, accademici e analisti del settore energia per analizzare le strategie utili a favorire un’economia low-carbon.

“Oggi siamo chiamati ad affrontare una duplice sfida: soddisfare il crescente fabbisogno energetico con un’energia che sia sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico. Il gas naturale gioca un ruolo fondamentale nella soluzione di questa duplice sfida” ha commentato Alfredo Balena.

Durante la conferenza, Alfredo Balena ha illustrato come il gas naturale sia la fonte fossile con minori emissioni e una risorsa particolarmente flessibile, in grado di soddisfare i picchi di domanda energetica e a sopperire all’intermittenza delle fonti rinnovabili. Proprio grazie a queste caratteristiche il gas naturale sarà una risorsa chiave nella transizione energetica.

In particolare, in Europa, il gas naturale liquefatto sarà fondamentale per affrontare la costante diminuzione della produzione interna di gas. Il GNL, che sarà protagonista di una crescita sostanziale, sarà una risorsa essenziale per garantire la diversificazione delle fonti e la sicurezza dell’approvvigionamenti. Allo stesso tempo, lo small scale – l’impiego del gas liquido nel trasporto marittimo e su strada – sarà un’opportunità che permetterà di ridurre significativamente le emissioni nei trasporti. Essenziale, per assicurare questa evoluzione, sarà la tecnologia. L’innovazione tecnologica contribuirà ad ampliare le fonti di approvvigionamento e a sviluppare soluzioni energetiche a basse emissioni promuovendo una sempre maggiore sostenibilità ambientale.

Il terminale Adriatic LNG, che dal 2009 costituisce una porta d’accesso per il gas naturale liquefatto in Italia, dimostra come la tecnologia della rigassificazione possa migliorare la sicurezza energetica di un Paese.

Il terminale di rigassificazione Adriatic LNG dal 2009 assicura all’Italia circa il 10% dei consumi nazionali di gas, la fonte di energia fossile più sostenibile. È una infrastruttura strategica per il Paese, per il suo contributo alla diversificazione dell’approvvigionamento energetico: ad oggi ha contribuito a soddisfare i consumi nazionali di gas naturale immettendo nella rete nazionale gasdotti oltre 53 miliardi di metri cubi di gas (pari ad oltre la metà del consumo nazionale del 2017) proveniente via nave da 8 Paesi (Qatar, Egitto, Trinidad&Tobago, Guinea Equatoriale, Norvegia, Nigeria, Stati Uniti e Angola).

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.