CONDIVIDI

Un interessante serie di dati fotografa lo stato del mercato musicale in Italia e, soprattutto, fornisce alcuni spunti per la musica del futuro: cala sempre di più il mercato fisico, il cd sembra destinato a scomparire, cresce il vinile, pur se in un mercato di ultranicchia, crescono YouTube e anche Spotify.
Oggi gli occhi sono puntati sulle playlist, per la diffusione, mentre domani lo saranno sulla blockchain, per riscuotere tutti i propri diritti. Il dato certo è che sono sempre meno le risorse a disposizione per la filiera creativa della nuova musica in Italia, visti gli scarsi introiti generali che scaturiscono dal mercato on line, con i due giganti del web musicale citati sopra, e altri, che pagano ancora poco, se non nulla in alcuni casi, i creatori di contenuti musicali e i diritti sulla loro diffusione e, visto il calo di presenze – anche per gli aumentati costi di allestimento-, verso i live degli artisti esordienti, escludendo da tale situazione generale il fenomeno indiscusso della trap per le nuove generazioni e il rilancio del mainstream itpop anche da parte delle indie nostrane. Tale filiera creativa di giovane musica emergente, se non si abbatte il “value gap” con l’on line, non si facilitano i live con sconti, sgravi e facilitazioni  burocratiche,se non si lavora a fare ottenere fino all’ultimo euro di diritto d’autore e connesso anche per il piu’ piccolo artista, se non si sostiene anche con interventi pubblici di sistema come per il teatro e il cinema, il momento della produzione, tour, dei live e dei festival, sara’ resa sempre piu’ arida fino ad arrivare al massimo rischio di esaurirsi per mancanza di fondi.

Oggi, nell’era dell’one shot musicale, escono circa 50 singoli ufficiali alla settimana, per circa 2000 titoli l’anno, ai quali vanno aggiunti certamente altrettanti titoli non ufficiali, ma siamo  comunque di fronte a un calo costante dell’uscita di progetti discografici completi. Alla fine si registra pur a fronte dellaconquista di un terzo del mercato da parte dei
produttori indipendenti – la vera filiera del Made in Italy musicale cresciuta esponenzialmente in questi 25 anni , proprio grazie all’impegno a meta’ degli Anni ’90 di una generazione di piccole imprese fatte di festival e indies autonome e tante altre realta’- un calo costante complessivo di nuova produzione musicale. Come contrastarla per la tutela e lo sviluppo
della creazione e diffusione musicale per le nuove generazioni in Italia?

Per questi motivi dopo gli Stati Generali della Musica Indipendente del 2015 a Roma, che ha dato lo spunto a tanti interventi nel settore della musica come, tra gli altri, il Tax Credit per le Opere Discografiche, il sostegno
alla Festa della Musica, la Scia, i Bandi Sillumina e il Codice sullo Spettacolo dal Vivo, tre anni dopo tornano gli Stati Generali della Musica Emergente in Italia sabato 24 novembre a Roma in un momento di convegno, confronto, presentazioni e dibattito dove verrà presentato uno dei nuovi progetti utili al sostegno della nuova musica del nostro paese: Lazio Sounds ad opera delle Politiche Giovanili della Regione Lazio.
A tale incontro, che si concluderà con l’individuazione di una serie di azioni concrete necessarie per il sostegno della musica per le giovani generazioni raccolte in un documento da presentare in incontri a livello istituzionale nazionale, regionale e locale, hanno già dato la loro adesione e parteciperanno tra gli altri:
Marco Mori e Andrea Pettinelli – AudioCoop, Guido De Beden e Francesco Galassi – Rete dei Festival, Giuseppe Marasco  e Claudio Carboni– Circuito It-Folk,  Angelo De Cave – Ass.Promoter Musicali Asmea, Anat,  Renato Marengo, Bussoletti, Marcondiro e Cesare Rascel – Associazione Italiana Artisti, Michele Lionello (Voci per la Liberta’), Giampiero Bigazzi
(Orientoccidente) e Roberto Grossi (Varigotti Festival) – Per una Rete dei Festival Storici, Marco Staccioli – Coordinatore Nazionale Festa della Musica, Alessandro Formenti – Doc Live, Claudio Formisano – Cafim Italia, Carlo Testini  – Arci, Lorenzo Pellegrini e Giuseppe Pugliese –  iLiveMusic, Federico Montesanto – Mia , Emilio Larocca Conte – Sws, Max Magagni – Circuito regionale Scuole di Musica MA2000, Giulio Berghella (Associazione #nonsiamosoli) e altri.
Ha aderito e sara’ presente Benedetta Stratta (Mibac  – Dirigente Servizio per la tutela del diritto d’autore e per la vigilanza sugli enti di intermediazione del diritto d’autore).
I produttori musicali Fabrizio Brocchieri (PB Produzioni), Giuseppe Casa (Martelive), Alberto Quartana (Leavemusic), Antonio Buldini (Fabbrica di Note), Karl Zinny (Zinny Prod), Marco Lecci (Lecci Prod.), Francesco Tosoni
(Noise Simphony), Pedro (Make a Dream), Gianni Marsili (Marsili Management), Giuseppe Della Mura e Angelo Andrea Vegliante (Sparo Parole), tra i festival il Roccaling Festival e Incisioni , Ivan Rufo del Festival Botteghe d’Autore, Walter Giacovelli della piattaforma Musplan, Riserva Sonora, Claudio Donato (Good Music), Massimo Curzio (Big Stone), Associazione OroNero e Oblivion Production per i videoclip, i media Classic e Classic Rock on Air, Fabio Dell’Aversana (Siedas), Luca Guidobaldi (Nctm) e artisti come Luana e Dani dei Belladonna, Piji,  Edoardo De Angelis, Panta, Capone &
BungtBangt, Enrico Capuano, Andrea Zoli, Miriana Bigi, Ismaila Mbaye, Deborah Bontempi, Christian Ravaglioli, Antonio De Carmine & Frank Carpenteri, Giorgio Ranciaro, Gerardo Tango,  e altri.

Tra i giornalisti, alcuni tra questi saranno presenti, hanno aderito:
Michele Manzotti (Agimp), Federico Guglielmi (PIMI), Fabrizio Galassi (PIVI), Riccardo De Stefano (Exit Well), Luca D’Ambrosio (Musicletter), Enrico Deregibus (Premio dei Premi), Cristina Zoppa, Ugo Coccia, Alessandro
Sgritta e Fabio Luzietti.

Ci saranno anche una serie di presentazioni che stiamo definendo quali:
Dalla tradizione all’innovazione:
– Film “Vinilici” con il trailer a cura di Discodays di Nicola Iuppariello
– Piattaforma musicale Common Music a cura di Bruce Labbruzzo

Inoltre:
– Trailer docufilm musicale di Capone & BungtBangt “A Mozzarella Nigga”
– Nuovo libro di Barbara Maussier sugli eventi “Il futuro degli eventi.
Scenari creativi nella società del tempo libero”, Hoepli 2018

Saranno assegnati alcuni premi speciali.

Istituzioni che hanno manifestato interesse a partecipare:
– Agenzia Nazionale Giovani della Presidenza del Consiglio ( Direttore Domenico De Maio )
– Regione Lazio Politiche Giovanili (Responsabile)
– Puglia Sounds della Regione Puglia (Cesare Veronico – Direttore)
– Regione Emilia – Romagna (Massimo Mezzetti – Assessore Regionale alla Cultura)

Saranno invitate autorità delle istituzioni, tutte le associazioni e le società del settore- Il convegno è aperto a tutti.
L’adesione e la partecipazione sono libere e aperte a tutti e siete tutti invitate a farlo.
Per aderire scrivere a: segreteria@materialimusicali.it

Coordinamento: Giordano Sangiorgi del MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti

Alla sera a Roma:
– Largo Venue – Concerto di Piotta
–  Auditorium Parco della Musica di Roma – Finali Nazionali Premio De Andre’ con ospiti a cura di Massimo Bonelli di iCompany e di Luisa Melis del Premio De Andre’.

L’adesione e’ aperta a tutti i singoli e alle singole realta’ produttive oltre che alle associazioni: indie, festival, artisti, musicisti, promoter, videomaker, giornalisti, agenzie, media, uffici stampa, tecnici, operatori e tutti i componenti la filiera creativa della nuova musica indipendente e emergente.

Per aderire e fare richiesta di intervento scrivere a:
segreteria@materialimusicali.it

Il programma e’ ancora provvisorio e potranno intervenire correzioni, variazioni e/o integrazioni.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.