CONDIVIDI

Come è noto a Riace si è sviluppato un originale modello di accoglienza che ha permesso il ripopolamento del paese e la rivitalizzazionedell’economia locale. Tuttavia, le somme dovute dallo Stato al Comune e alle organizzazioni locali di accoglienza hanno spesso tardato ad arrivare, anche anni, creando una situazione di fortissima tensione finanziaria amplificata dal gran numero di presenze.
Per compensare tali mancanze le organizzazioni di accoglienza decisero di emettere una moneta locale, l‘euro di Riace, una sorta di bonus dispesa di tagli diversi, che è stata consegnata ai migranti sulla base delle somme dovute dalla Prefettura e dal Ministero per le diarie. Gli esercenti locali hanno deciso di accettare la nuova moneta che comincia a circolare come una moneta parallela. 

L’arresto del sindaco di Riace, Domenico Lucano, e l’avvio del contestuale procedimento amministrativo per la revoca dei contributi statali hanno rotto un equilibrio fragilissimo: i migranti presenti sul territorio restano abbandonati, privi di prospettive e senza alcuna fonte disostentamento; gli esercenti locali che detengono la moneta locale in attesa dei fondi pubblici si trovano esposti per decine di migliaia di euro; e i laboratori artigianali vengono chiusi.

Lassociazione Chico Mendes onlus ha individuato due azioni d’intervento per portare la sua solidarietà al piccolo borgo calabrese:
1) è stata acquistata, nei giorni 31 ottobre e 1 novembre, una parte della moneta locale e avviata una raccolta fondi da ogni parte del mondoper assicurare agli esercenti che hanno dato credito al progetto e hanno fornito generi alimentari e di consumo ai migranti, di rientrare in tutto o in gran parte delle somme loro dovute, ripristinando una relazione costruttiva con le organizzazioni che assicurano l’accoglienza;
2) è allo studio un progetto per riprendere quel percorso di sviluppo economico originario che dia rinnovata vita all’esperienza di Riace, in una prospettiva di progressivo sganciamento dai contributi pubblici, attraverso l‘avvio e il sostegno di piccole esperienze imprenditoriali a Riacecreando un mercato ai loro prodotti nell’ambito dei circuiti del commercio equo e solidale. 

“Noi crediamo che l’esperienza di Riace possa essere lo strumento per scoprire che la solidarietà verso lo straniero, oltre a essere una cosa buona in se stessa, può aiutare la comunità a ritrovare una propria identità e a sperimentare nuove forme di economia e disviluppo” spiega Giovanni Paganuzzi, presidente di Chico Mendes onlus

A oggi sono stati raccolti oltre 45mila euro che saranno destinati in parte a pagare i debiti verso gli esercenti locali e in parte al progetto disviluppo.

Il progetto si può sostenere in due modi:
– Acquistando i libri contenenti le banconote di Riace. Per ogni libro venduto, 5€ andranno a sostenere l’economia solidale di Riace. I libri sono acquistabili al Banco di Garabombo e presso tutte le botteghe milanesi e bresciane di Chico Mendes;
– Facendo una donazione per il riacquisto della moneta locale di Riace all’Associazione Chico Mendes Onlus.

Altre informazioni saranno disponibili sul sito solidaliconriace.it

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.