CONDIVIDI
In foto Filippo Bianchini

Occhi aperti sul nuovo jazz italiano giovedì 8 novembre al Padova Jazz Festival: il sassofonista Filippo Bianchini sarà protanonista di un live al Caffè Pedrocchi (con inizio alle ore 21:30) in quartetto con Domenico Sanna (pianoforte), Igor Spallati (contrabbasso) e Armando Luongo (batteria). Come tutti gli appuntamenti del festival al Pedrocchi, il concerto è a ingresso libero, con possibilità di cenare dalle ore 20 o anche di prenotare tavoli solo per il concerto.

Il Padova Jazz Festival è organizzato dall’Associazione Culturale Miles presieduta da Gabriella Piccolo Casiraghi, con il contributo dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e di Antenore Energia.

Filippo Bianchini è nato a Orvieto ma ha passato l’infanzia a Roma. Torna nella sua terra natale per diplomarsi al Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia con Mario Raja, per poi trasferirsi in Olanda (ulteriore diploma al Royal Conservatory dell’Aia) e infine a Bruxelles, dove vive dal 2013. È qui che pubblica i suoi primi dischi da solista: Disorder at the Border (2015) e Le Voyage (2017).

Nel suo quartetto si incontrano altri musicisti italiani espatriati: Igor Spallati, giovane contrabbassista residente a Berlino, e Armando Luongo, batterista residente anch’esso a Bruxelles, oltre al notevole pianista Domenico Sanna.

Caffè Pedrocchi

Ingresso libero.

Cena ore 20; concerto ore 21:30

Cena non obbligatoria; possibilità di prenotazione tavolo anche solo per il concerto: tel.: 049 8781231; email:prenotazioni@caffepedrocchi.it

Informazioni:

Associazione Culturale Miles

Via Montecchia 22 A, 35030 Selvazzano (PD)

Tel.: 347 7580904

e-mail: festival@padovajazz.com

web: www.padovajazz.com

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.