CONDIVIDI
In foto un Cantiere per la Pedemontana Veneta

È arrivata alla Regione, da parte del magistrato delegato della Corte dei Conti, Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato, richiesta di ulteriori chiarimenti con riferimento all’indagine su Pedemontana Veneta. 

La Corte, avendo considerato i dati dell’intero procedimento di realizzazione dell’infrastruttura, compresa la fase di gestione del commissario delegato, afferma ancora l’estrema lentezza nella progressione dell’opera, la sovrapposizione della struttura commissariale a strutture ordinarie con aggravio di costi, carenze progettuali, clausole ambigue nella convenzione, ritardi negli espropri, clausole contrattuali favorevoli al concessionario, rilevanti problematiche di ordine ambientale, aumento del costo complessivo a totale carico pubblico.

Nella nota si afferma che tutto questo ha reso incerta la realizzabilità dell’opera e che solamente con il decisivo intervento della Regione si è potuta sbloccare la situazione.

Inoltre la Corte evidenzia che uno dei tre rischi, quello relativo al traffico, con il TAC risulta molto più chiaramente allocato in capo alla Regione, rispetto a come era nei precedenti contratti.

La Corte infine chiede di relazionare sui seguenti 4 punti, cui di seguito si riporta anche la risposta.

 1- Stato del contenzioso pendente

Esiste un unico ricorso attualmente pendente avanti al TAR Veneto, proposto da Salini-Impregilo (ossia l’originario promotore dell’intervento, poi aggiudicato al concessionario in carica), che deduce l’illegittimità del terzo atto convenzionale. Non è stata chiesta alcuna tutela cautelare e al momento non risulta neppure fissata l’udienza di discussione del merito.

2- Iniziative intraprese nei confronti dei responsabili del precedente assetto convenzionale 

La Regione ha provveduto a porre in atto tutte le azioni che ha ritenuto necessarie in merito.

3- Realizzabilità di alcune strutture viarie funzionalmente connesse con Pedemontana

Le amministrazioni locali, in sede di progettazione, hanno richiesto ed ottenuto un sensibile infittimento dei caselli autostradali al fine di rendere più permeabile la nuova infrastruttura (sono infatti 16 su 94 km), con il conseguente risultato di diluizione dei flussi di traffico da e per Pedemontana. Nel progetto sono state ricomprese tutte le opere complementari che si sono ritenute necessarie alla messa in esercizio della nuova infrastruttura. I sindaci hanno presentato ulteriori nuove richieste, mai supportate e giustificate da studi dei flussi di traffico e stime che possano far presupporre l’insufficienza della situazione approvata. Pertanto, a fronte di tutte le segnalazioni, al fine di non prevedere ulteriori e nuovi investimenti per infrastrutture non strettamente necessarie, la Regione, attraverso il tavolo tecnico –politico con gli Enti locali interessati e con i gestori della rete stradale ordinaria ed autostradale istituito con deliberazione di Giunta n. 2103 del 13 dicembre 2016 per coordinare ed indirizzare le azioni di carattere organizzativo e gestionale della circolazione stradale, con particolare riferimento al traffico pesante, sarà anche in grado di monitorare la situazione traffico in fase di esercizio e programmare eventuali interventi, qualora si rivelassero necessari sulla base di dati effettivi rilevabili.

4- Attività di controllo sui lavori in corso 

L’attività di alta sorveglianza spetta alla Regione del Veneto, che infatti ha istituito, come noto, una struttura dedicata alla funzione, a capo dellaquale è stata nominato come direttore l’ing. Elisabetta Pellegrini..

Quest’ultima, tra l’altro, in base alle necessità di svolgimento dell’intero procedimento di realizzazione dell’infrastruttura ora in gestione ordinaria, svolge le seguenti azioni:

– relaziona trimestralmente al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti sull’andamento dei lavori e sulle difficoltà riscontrate. Questo in virtù del finanziamento statale ricevuto, già chiesto e tutto liquidato alla Regione del Veneto a seguito delle opportune verifiche da parte del Ministero;

– ha richiesto al Ministero dell’ambiente, già nel primo semestre del 2017, l’attivazione della verifica di attuazione ex art. 185 del D.lgs. 163/2006, saldando le quote per diritti istruttori sia per l’anno 2017 che per il 2018. L’opera infatti ha subito la VIA su progetto preliminare presso il Ministero stesso, poi approvato dal CIPE. Quindi è stata gestita dal commissario delegato con i poteri derogatori di cui all’O.P.C.M. n. 3802 del 15 agosto 2009, che ha provveduto a fare la verifica di ottemperanza sul progetto definitivo e di attuazione – fase 1- sull’esecutivo, con il supporto di un comitato scientifico nominato ad hoc. Da quando si è rientrati in gestione ordinaria, la Regione ha coinvolto il Ministero al fine della ripresa delle attività del procedimento lasciato dal commissario, che aveva sostituito il Ministero. Pertanto stanno procedendo le verifiche di attuazione, sia di fase 1 qualora necessarie su progetti esecutivi di variante o di adeguamento a prescrizioni impartite nell’approvazione, sia di fase 2, cioè sull’eseguito. Tali verifiche si protrarranno fino alla completa esecuzione dell’opera ed anche post operam per il controllo dei parametri di previsione degli effetti;

– invita il Ministero dei beni culturali alle conferenze di servizi per l’approvazione di eventuali varianti non sostanziali o sulla risoluzione delle interferenze, nel momento in cui le opere riguardano aree o beni sottoposti a vincolo paesaggistico o culturale;

– informa tutti e tre i suddetti Ministeri della necessità di varianti non sostanziali ex art. 169 del D.lgs 163/2006.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.