CONDIVIDI
In foto la casa di Giacomo Matteotti a Fratta Polesine

Un nuovo comune si aggiunge ai venti che già ospitano le lezioni dellUniversità Popolare Polesana: da quest’anno anche a Fratta Polesine saranno presenti gli incontri dell‘associazione, rivolti alle persone adulte, con il loro ricco programma curato da docenti, studiosi, medici, avvocati, personalità prestigiose del nostro territorio.

Le lezioni sono già ripartite a Costa di Rovigo, il 24 settembre e in molti altri comuni continueranno domani 9 ottobre con il primo appuntamento a Taglio di Po,  alle 16 nella sala comunale, con letture e musica di allievi del Consevatorio “Buzzolla” di Adria. E si prosegue poi a Corbola, l’11 ottobre, a Fiesso Umbertiano, il 12 ottobre, a Melara e Gavello, il 13 ottobre, a Castelguglielmo, il 14 ottobre, e ancora a Rovigo e Ceregnano, il 16 ottobre, a Canaro, Arquà Polesine e Loreo, il 18 ottobre, a Villadose e Villanova del Ghebbo, il 19 ottobre. L’ultima a partire sarà proprio la nuova arrivata, Fratta Polesine, con l’appuntamento del 25 ottobre alla casa museo di Giacomo Matteotti.

I programmi delle lezioni e gli aggiornamenti si possono trovare sul sito dell‘associazione (unipoppol.csvrovigo.it), realizzato e recentemente ammodernato con il supporto tecnico del Centro servizi volontariato di Rovigo. Ci si può anche rivolgere alla sede provinciale, chiamando il numero 0425.23001.

L’Università Popolare offre lezioni a chiunque, indipendentemente dall’età, dal livello scolastico e dalla professione. Il suo pubblico sono persone di diverse età, accomunate dalla curiosità e dalla voglia di conoscere cose nuove.

Ai docenti “storici” dell‘associazione, quest’anno si aggiungeranno nuovi relatori, tra cui medici, avvocati, rappresentanti di istituzioni e organizzazioni dei consumatori. Ci sarà anche il mondo del notariato, grazie alla collaborazione del Consiglio notarile di Rovigo e del laboratorio “Notar.Lab”. Si consolidano collaborazioni, come quella con l’Accademia dei Concordi, da cui provengono docenti prestigiosi quali Enrico Zerbinati e Luigi Costato, con l’Archivio di Stato, che ospiterà le lezioni a Rovigo, con il conservatorio statale “Venezze” del capoluogo, oltre che con quello di Adria. Ben 25 gli incontri in programma in ciascun comune e ben 50 in quelli di Rovigo, Badia Polesine e  Adria. Oltre agli incontri teorici, ci si potrà iscrivere ai corsi di ginnastica dolce, yoga, inglese, tedesco e spagnolo, ma anche informatica e uso dei social network. Torna il corso di pittura, che anche quest’anno sarà condotto da Silvio Zago. Sono infine previsti viaggi, visite guidate, momenti conviviali.

Tra le novità, anche un avvicendamento interno all’associazione: il nuovo direttore didattico è Sandra Zangheratti, che sostituisce Berto Meneghetti, che per molti anni ha dedicato un enorme impegno all’interno dellUniversità Popolare Polesana.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.