CONDIVIDI

Un documento firmato dai capigruppo di Lega e Cinque Stelle smentisce il voto dei parlamentari europei contro il primo ministro ungherese

Ormai non si vergognano neanche più. Il Movimento Cinque Stelle dimostra ancora un volta di essere in grado di assumere decisioni diametralmente opposte, sullo stesso argomento, nel giro di pochi giorni, con una disinvoltura che lascia francamente sbigottiti. E così, quella che sembrava essere una presa di coscienza netta contro Viktor Orban in Europa, si trasforma in una posizione, a ruota dell’alleato leghista, decisamente più accondiscendente in Italia.

Come noto a tutti, infatti, fece molto discutere la decisione del gruppo del M5s a Strasburgo di votare a favore dell’inizio di procedura di infrazione in base all’articolo 7 nei confronti delle politiche illiberali del primo ministro ungherese, alleato di ferro di Matteo Salvini. Il voto avvenne in netta difformità con quello della Lega, strenuamente schierata a fianco di Orban. “Per noi – dissero gli eurodeputati grillini – Orban, Macron e Merkel sono facce della stessa medaglia, fanno tutti i propri interessi contro quelli dell’Italia”, dimostrando di non aver capito bene cosa si stesse votando, ma dando comunque un messaggio forte: siamo pronti ad andare contro le posizioni della Lega.

Qualcosa, però, pochi giorni dopo, dev’essere cambiato. E la “coraggiosa” presa di posizione viene capovolta da un documento, firmato dai capigruppo del Carroccio e del M5s a Montecitorio, Riccardo Molinari e Francesco D’Uva, che impegna il governo e Giuseppe Conte a verificare se sussistono i motivi per la procedura d’infrazione e, in caso contrario, a chiudere immediatamente la procedura stessa. Come noto, per attivarla occorrono i quattro quinti dei voti del Consiglio dell’Unione Europea e la posizione dell’Italia potrebbe risultare decisiva per salvare Orban. Con buona pace dei “coraggiosi” di Strasburgo.

Stefano Cagelli – fonte DEMOCRATICA.IT

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.