CONDIVIDI
hotel
hotel

Un grande rispetto per la materia prima, la passione per le botteghe e i mercatini dove rifornirsi di prodotti eccellenti, il rapporto con il territorio: ritratto di Giuseppe Di Iorio, chef stellato del ristorante Aroma, con vista sul Colosseo, che il prossimo 30 luglio cucinerà con Fabrizio Albini, il nuovo Executive chef del Cristallo. È il secondo appuntamento della rassegna gastronomica “Tutte le strade portano a Cortina”, che porta nell’unico 5 stelle Lusso delle Dolomiti i più grandi talenti della capitale per una cena a quattro mani.

«La magia di un piatto comincia dalla materia prima, che da sola vale metà dell’opera. Mi ritaglio sempre del tempo per girare nelle botteghe e nei mercati, nelle aziende e dai produttori, dove altri chef non sono ancora arrivati, per cercare nuove chicche da presentare in tavola. Bisogna scegliere la materia prima con attenzione, e poi esaltarne le caratteristiche. È molto più facile rovinarla, però». È la filosofia in cucina di Giuseppe Di Iorio, Chef stellato del ristorante romano “Aroma” dell’Hotel Palazzo Manfredi, secondo ospite della Rassegna gastronomica “Tutte le strade portano a Cortina”, organizzata dal Cristallo Hotel Spa & Golf di Cortina d’Ampezzo. Una serie di appuntamenti che condividono un format originale: Il nuovo talento “di casa”, Fabrizio Albini, realizzerà speciali menù a quattro mani, con i migliori Chef stellati della Capitale. Giuseppe Di Iorio, che sarà ai fornelli a Cortina il prossimo 30 luglio, ha origini romane e calabresi, e un’autentica passione per i sapori del territorio. Dopo la Scuola Alberghiera a Roma e la “gavetta” al ristorante Margutta, arriva al prestigioso Hyde Park Hotel, sotto la guida di Giuseppe Sestito, primo executive chef italiano del famoso ristorante inglese. Un incontro fondamentale, quello con Sestito, maestro e compagno di tante avventure: entrato nel circuito dell’alta ristorazione alberghiera romana – dall’Hotel Inghilterra al Parco dei Principi – Giuseppe lo raggiunge al ristorante stellato Mirabelle, prima di entrare da protagonista in un palcoscenico tutto suo, l’Aroma, e conquistare la stella Michelin. A tu per tu con il Colosseo, cartolina vivente che si ammira direttamente dai tavoli con vista direttamente sull’anfiteatro Flavio: un panorama che Di Iorio sostituirà, il tempo di una sera, con l’incredibile scenario delle Tofane che si può ammirare dalle vetrate dell’Hotel Cristallo di Cortina. Il menù dalla doppia anima – romana e ampezzana – prevede sapori della tradizione rivisitati dai due chef. Giuseppe Di Iorio cucinerà la guancia di vitello su purea di cavolo viola, gel di passion fruit e chips di riso al cacao e la ricciola in crosta di sesamo con pressatina di tre patate, crema di olive nere e salsa al mango. A quattro mani verrà realizzato il piatto di ingresso: melone, genepy e pompelmo rosa, mentre Fabrizio Albini “firmerà” gli spaghetti Felicetti in crema di vongole e bottarga di fiume, ginepro, lime e tapioca al nero di seppia e il dessert biscotto alle mandorle, pesche, cioccolato e cappuccino di pino mugo. “Tutte le strade portano a Cortina” è un originale gemellaggio gastronomico tra la Regina delle Dolomiti e la Capitale. Se i latini affermavano che “Tutte le strade portano a Roma”, quest’estate si invertirà la rotta, per puntare verso le Tofane: saranno gli Chef capitolini a salire a Cortina per dare vita, ogni mese, a un appuntamento speciale nel nome del Made in Italy. Per il prossimo appuntamento con la rassegna lo Chef Albini “incrocerà i mestoli” con Salvatore Tassa, “cuciniere”, come ama definirsi, del ristorante Le Colline Ciociare di Acuto

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.