Cosa desiderate che mi avete fatta chiamare?

Donne shakespeariane a Corte Mercato Vecchio debutta il 25 luglio ore 21.30 per Estate Teatrale Veronese a Verona...

790
CONDIVIDI

Donne shakespeariane a Corte Mercato Vecchio

Debutta il 25 luglio ore 21.30 per Estate Teatrale Veronese a Verona, Corte Mercato Vecchio, Cosa desiderate che mi avete fatta chiamare? Donne shakespeariane per la regia di Jana Balkan e Isabella Caserta. Questa nuova produzione fa parte del progetto del Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio “Femminiletrapassatopresente”, del quale è la seconda di tre tappe. Il Teatro Scientifico, in occasione di Shakespeare 400, ha ritenuto opportuno dedicare uno spettacolo ad alcune figure femminili del Bardo. L’universo di Shakespeare è costellato da una moltitudine di donne. Nonostante non siano di solito le protagoniste principali delle sue opere, giocano un ruolo fondamentale nella trama. Shakespeare, con la sua capacità di indagare e penetrare l’animo femminile, ha dato vita a personaggi che ancora oggi ci fanno riflettere. Forti o fragili, dominanti o succubi, hanno un notevole potere sugli eventi. La messinscena presenta una campionatura di personaggi: Ofelia, Desdemona, Caterina, Venere, le allegre comari, Giulia e Lucetta, Lady Macbeth, Lucrezia, Giulietta e Caterina d’Aragona, donne che si intersecano in un percorso in cui si declinano varie sfaccettature dell’animo femminile, che mette in discussione il loro essere dominanti o dominate, soggetto od oggetto del potere maschile o degli eventi. Alcune scene dello spettacolo sono interpretate nella lingua dei segni.

In scena Jana Balkan, Isabella Caserta, Martine Susana, Elisa Bertato, Davide Bertelè, Martina Colli, Alessandra Marigonda, Andrea Pasetto, Veronica Tollin. Musica dal vivo composta ed eseguita da Elisa Goldoni e Valerio Mauro. Movimenti coreografici Martine Susana, video Luca Caserta, assistente Davide Bertelé, costumi Mariana Berdeaga, scene Laboratorio Teatrale, direzione tecnica Luca Cominacini. Repliche 26, 27, 28 luglio ore 21.30.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.