CONDIVIDI
afa2
afa2

Sono in piena attività nelle farmacie i bollettini del caldo a cura della Protezione Civile e del Comune di Verona, un servizio preventivo di forte utilità sanitaria che permette al farmacista di fornire consigli utili e mirati sulla salute ancor prima che si verifichino i picchi di calore durante tutta l’estate. Chiunque debba programmare attività ricreative, sportive o di lavoro all’aperto può consultare quindi gratuitamente i bollettini in farmacia con il supporto del farmacista. Le fasce a maggior rischio sono i bambini, gli anziani e i pazienti affetti da patologie soprattutto respiratorie e cardiocircolatorie che devono essere seguiti con un’attenzione particolare in questo periodo di temperature torride.

afaa1

«Tutti i giorni in farmacia ci troviamo a dare consigli di ordine pratico come chiudere le finestre e abbassare le tapparelle durante le ore calde per riaprirle poi in quelle più fresche e per color che hanno il climatizzatore non esagerare tenendo sempre la temperatura tra i 25 e i 27° C – dice Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona, l’Associazione dei titolari di farmacia -.  Per scongiurare i colpi di calore non si deve sostare in ambienti troppo caldi prediligendo le zone ombrose meglio se in spazi verdi, in casa fare di frequente docce fresche e bere molta acqua almeno due litri al giorno, ma che non sia gelida per evitare il pericoloso rischio delle congestioni, purtroppo molto frequenti in questo periodo. Da evitare anche le bevande gassate e zuccherine. È importate indossare tessuti naturali, leggeri e possibilmente chiari per una corretta traspirazione corporea non uscendo, soprattutto bambini e anziani, nella fascia oraria più calda, dalle 11 alle 18. Un consiglio anche per gli sportivi che, sbagliando, non ritengono di dovere prendere particolari accorgimenti: le elevate temperature, lo sforzo fisico e la disidratazione possono condurre al colpo di calore anche chi è abituato a praticare sport ogni giorno. Qualora questo dovesse avvenire è consigliabile recarsi subito al Pronto soccorso oppure presso un ambulatorio medico o nella farmacia più vicina per i primi interventi ai quali seguirà eventualmente la chiamata al 118. Per tutti si consiglia, infine, un’alimentazione leggera che prediliga frutta e verdura in piccole dosi più volte nell’arco della giornata».

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.